In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

logo visita putignano

Il passaggio del cero | L'apertura delle propaggini

Il calendario vuole che l'inizio del Carnevale di Putignano coincida con il giorno in cui la religione cristiana festeggia di Santo Stefano.
 

Il 26 dicembre, oltre che l'apertura del carnevale, per i Putignanesi e per i cristiani del mondo, si festeggia Santo Stefano che è anche il Patrono di Putignano. I festeggiamenti religiosi rappresentati dallo snodarsi di una lunga processione per le vie cittadine che parte dalla Chiesa di Santa Maria, da dove, cioè, dal 1394 sono custodite le reliquie del santo. Tutte le confraternite che storicamente fanno parte del comprensorio diocesano comprendente Putignano sfilano lungo le strade del borgo antico e parte della zona nuova con le reliquie e la statua del santo.

 

Notoriamente il carnevale è un evento che racchiude in se oltre a colori, musica, sorrisi, anche eccessi, abusi e esagerazioni. Tutti elementi contrari fortemente ai dettami di rigore imposto dall'istituzione cristiana che è la chiesa. A simboleggiare, come sorta di collettore, un periodo di coesistenza e unione tra il rigore cristiano e gli eccessi del carnevale, c'è il passaggio del cero. Un gesto simbolico di tolleranza da parte della chiesa, che consente al popolo in primis, poi ai propagginanti di "mettere in piazza" sarcasmo, ironia, piccole volgarità.

 

Durante il corteo dei fedeli tra le vie della città avviene il passaggio del cero tra il Presidente del Comitato Feste Patronali di Putignano e il Presidente pro tempore della Fondazione Carnevale di Putignano quale simbolica richiesta di perdono per tutti i “peccati” che si andranno a commettere durante il periodo Carnascialesco.

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.