In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

Previous Next

dal giovedì degli uomini sposati al giovedì dei cornuti

sant antonio abateIl 17 gennaio, giorno di Sant'Antonio Abate, sancisce da secoli l'entrata nel vivo del Carnevale di Putignano. I giovedì successivi a tale data erano e sono occasioni di divertimento, ironia e satira.
 

Da informazioni storiche si tramanda che durante il periodo di carnevale ogni giovedì era concesso alla cittadinanza di ogni ordine e grado sbeffeggiare e ironizzare su eventuali malefatte, contraddizioni o discordanze messe in pratica durante l'anno precedente dalle cariche o le figure da cui il giovedì prendeva il titolo. Ecco che, il primo Giovedì denominato dei Monsignori, prendeva come protagonista il prelato in carica, seguito in un ordine immutabile da quello dei preti, delle monache, delle vedove, dei pazzi, delle donne sposate e ultimo il giovedì degli uomini sposati

 

E' sull'estremizzazione burlesca di quest'ultimo che è nata, alcuni anni or sono, per volere di Nicola Genco, Massimo Bianco e Franco Laera, l'Accademia delle Corna ed il relativo "Giovedì dei Cornuti". L' Istituzione satirico/pittoresca locale è volta ad individuare personaggi di ogni ordine e grado che si sono distinti per particolari qualità nel proprio settore ai quali viene conferita l'onorificenza di Gran Cornuto dell'anno, parafrasando il detto comune da queste parti "Sei un Gran Cornuto" quando una persona è fortemente competente ed attiva nel proprio settore professionale o sociale.

 

Il Gran Consiglio degli Accademici, riunitisi in gran segreto nei giorni antecedenti, con votazione unanime delibera il verdetto, e il Rettore Gran Accademico, dall'alto della sua carica, declinando frasi propiziatorie, incorona con il Superbo Palco Cornèo il prescelto GRAN CORNUTO DELL'ANNO tra personaggi locali che si sono distinti anche per goliardia, simpatia e ironia.

 

ingresso chiesa santo stefano piccoloIl rito dell'incoronazione con proclamazione accademica prende il via alle prime luci dell'alba del giovedì mattina, quando a propria insaputa il neoeletto riceve sotto la propria abitazione la visita del pubblico cornèo, cioè il corteo degli accademici, che invitano il prescelto, dopo avergli offerto colazione con Cornetto e Latte di Toro nella chiesetta (sconsacrata) di Santo Stefano Piccolo per il rito di proclamazione. In tale sede, insieme alla consegna della pergamena, viene data lettura delle motivazioni che lo hanno fatto eleggere.

 

I festeggiamenti continuano per tutta la giornata con il "Corne'O" una sorta di processione profana degli accademici in mantello nero e cilindro biforcuto per le vie del centro storico che, con tono canzonatorio "venite venite all' ammasso venite.....cornuti accorrete venite" invitano i cornuti tutti e la cittadinanza intera al pubblico ammasso.

 
L'ammasso durante il periodo fascista era la consegna obbligatoria al governo del grano e delle altre derrate alimentari disciplinato anche dal Codice Civile del 1942 dall'articolo 837 (libro III titolo II della proprietà) sia all'articolo 2617 (libro V, titolo X della disciplina della concorrenza e dei consorzi). Nello spirito prettamente carnevalesco Putignanese, l'ammasso identifica il rito di purificazione che tutti gli uomini sposati con mogli fedifraghe, attuano satiricamente per liberarsi dal peso delle corna nella vita quotidiana! la funzione liberatoria di questi riti è antichissima e risale addirittura all'antica Grecia!
 

Tessera SanitariaIl rito apotropaico e di purificazione del "Taglio delle Corna" prevede che il palco corneo di ciscuno dei presenti, sia estirpato da improbabili, quanto pittoreschi chirurghi. Su uno scenografico banco da lavoro opportunamente modificato si espleta il servizio di Misurazione e dell'eventuale limatura, taglio e sutura delle ferite. Il cornuto purificato a chiusura riceve la tessera sanitaria con il timbro dell'ufficio del pubblico ammasso che certifica le dimensioni e la sana crescita del Superbo Palco Corneo durante l'ultimo anno.

 

Di corna hanno parlato anche letterati, scienziati e studiosi

 
Ludovico Ariosto “L'incarco de le corna è lo più lieve ch'al mondo sia, se ben l'uomo tanto infama: lo vede quasi tutta l'altra gente; e chi l'ha in capo, mai non se lo sente.”
 

Giacomo Leporadi "Veramente io voleva destinare a ognuno il suo regalo, per esempio a chi un corno, a chi un altro, ma ho temuto di dimostrare parzialità, e che quello il quale avesse li corni curti invidiasse li corni lunghi." da "Lettera alla befana" del 6 gennaio 1810 dell'allora adolescente poeta.

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.