In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

Casa Museo Romanazzi Carducci principe di Santo Mauro

Nel 1800 circa, il palazzo che un tempo era stato sede del baliaggio, divenne di proprietà della famiglia dei Principi Romanazzi-Carducci e assunse le caratteristiche di palazzo nobiliare.
 
Dopo quasi un secolo di fasto e decoro, il Principe Guglielmo, nel 1967 donò il palazzo e ogni suo arredo e preziosi, al comune di Putignano, perché lo trasformasse in un museo, oggi identificato come museo civico, più comunemente, come museo del principe.
 
Il prospetto principale, che sempre si affaccia su piazza Plebiscito, è frutto della ristrutturazione e rinnovamento che il palazzo ha subito nel XIX secolo; quello laterale, presenta un corpo settecentesco al di sopra del quale si apre una terrazza con giardino pensile.
 
Dall’ingresso principale, si entra nell’atrio del palazzo, caratterizzato da una facciata a doppio loggiato che immette attraverso una breve scalinata al primo piano nobile, costituito da una fuga di sale armoniose nelle linee architettoniche, riccamente decorate e arredate con preziosi mobili, quadri, libri, arazzi porcellane, argenterie e cristallerie. Buona parte del patrimonio artistico è di provenienza napoletana, affluito in seguito ai matrimoni susseguitisi. Gli oggetti più prestigiosi, acquisiti probabilmente tramite il matrimonio con la Principessa di Saluzzo di Corigliano, sono i dipinti costituiti da capolavori di varia provenienza e databili tra il XVI e Il XX secolo, ascrivibili a varie scuole pittoriche. Si segnala anche una ricchissima collezione di arti minori, realizzata dalle più importanti maestranze italiane e francesi fra '800 e '900, tra le quali spiccano gli orologi da tavolo.
 
Tra le tante collezioni, la più ricca è la raccolta d’armi.
 
Cuore del piano nobile è il “Salone giallo”, un tempo luogo privilegiato della mondanità, adibito alla conversazione e a “romantiche” serate da ballo.
 
La volta conserva ancora gli affreschi, l’arredamento è composto da quattro divani alla turca sistemati negli angoli, da un sofà e da una consolle dorata con piano in velluto di fattura napoletana; le pareti sono impreziosite dalle tappezzerie di damasco giallo oro utilizzato anche come tende su porte interne e finestre che ben si armonizzano con la specchiera in legno dorato. Nel palazzo si conserva ancora parte della collezione di scarpe del Principe e in una delle stanze da bagno, stampe e prodotti di bellezza.
 
 

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.