In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

La Biblioteca Comunale "Filippo De Miccolis Angelini"

Nel 1953 si sviluppò l’idea di far nascere nel comune di Putignano una biblioteca comunale in modo da divulgare in maniera più approfondita cultura e tradizione. Il progetto maturò nella compagine amministrativa capeggiata da Filippo De Miccolis Angelini, a cui oggi è intitolata. L’istituzione formale avvenne con delibera del Consiglio comunale il 10 giugno 1958, l’inaugurazione ufficiale il 29 giugno del 1964.

 

Come sede della biblioteca fu scelto l’ex Convento delle Carmelitane risalente al 1568 e la dotazione iniziale consisteva in circa settemila volumi provenienti dalle due biblioteche conventuali dei Cappuccini e dei Carmelitani, dalla donazione del principe Guglielmo Romanazzi Carducci, dalla biblioteca circolante, da una donazione di libri concessi in prestito perpetuo dall’USIS (Servizio Informazioni degli Stati Uniti), dall’editore Giovanni Laterza nativo di Putignano e dal sindaco Filippo De Miccolis Angelini. L’amministrazione comunale provvide all’acquisto di enciclopedie, di tutte le opere di Benedetto Croce edite dalla Laterza; furono inoltre sottoscritti abbonamenti a 10 riviste, 3 quotidiani e 4 periodici locali.


manoscritto casulliAcquisti particolarmente significativi furono:
 
1. Il manoscritto ottocentesco sulla storia di Putignano opera dell'Avv. Giovanni Casulli, tre ponderosi volumi, rimasti inediti e manoscritti, che contengono gran parte della storia di Putignano. Con fatti e accadimenti di carattere politico, amministrativo, culturale e sociali.
 
2. Una copia delle Effemeridi putignanesi, ovvero successi e storia della città di Putignano (1737-1744) del domenicano Domenico Maria Campanella.
 
Nel corso degli anni il patrimonio librario e documentale della biblioteca si è incrementato grazie ad acquisti e donazioni ed oggi consta complessivamente di 58.767 unità bibliografiche.

 

Il fondo antico è costituito da circa 5.000 volumi, degni di nota 395 cinquecentine, due delle quali stampate a Venezia da Aldo Manuzio e 710 edizioni del Seicento. Fanno parte di questo fondo circa 1.500 volumi provenienti dal locale monastero dei Cappuccini, tutti rilegati in pergamena, prevalentemente opere di argomento religioso. Molto ricca è la sezione pugliese e di storia locale che richiama studiosi provenienti da vari paesi. L’emeroteca comprende circa trecento testate di periodici cessati e correnti, fra cui La Gazzetta del Mezzogiorno rilegata dal 1940.

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.