In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

logo visita putignano

Questa fu la residenza di Giovanni Fedele Angelini (1761- 1834), figlio di Piero Giuseppe Angelini già sindaco di Putignano nel 1782-1783, e fratello di Francesco, avvocato e discepolo di F. Conforti e di M. Pagano.
I due fratelli furono ardenti patrioti e cospiratori per la libertà del reame di Napoli, per la quale, diedero se stessi e la quasi totalità delle loro sostanze.
 
Giovanni Fedele, fu educato anch'esso a Montecassino ed a Napoli, ove, laureatosi in utroque iure, si dedicò agli studi legali e letterari. Coprì varie cariche pubbliche nella sua patria, fra cui quella di Sindaco nel 1808.
Fu gran Maestro oratore della Loggia Massonica « Il Pellicano », installatasi in Putignano nel monastero già dei Padri Carmelitani a Porta Grande.
 
Pubblicata il 7 luglio 1820 la Costituzione Spagnuola del 18 marzo 1812, fu dagli elettori dei tre Distretti di Terra di Bari (Bari, Altamura e Barletta) eletto lì 3 settembre 1820 fra i 5 Deputati del Barese al Parlamento Nazionale. Ed, avendone assunto il mandato per le insistenze degli amici, in tutte quelle tornate (2-9-12 e 16 ottobre e 16 novembre 1820) diede prova di sua intelligenza e vasta erudizione, formando altresì parte di quasi tutte le Deputazioni e Commissioni della Camera.
 
Basterà ricordare che nella prima seduta (1-10-1820) fu dei prescelti a ricevere il Re, e nella seconda, quella del 2 ottobre 1820 fu nominato Presidente della 5a Giunta (Agricoltura - Industria - Commercio ed Arti); che nella terza del 12 ottobre li fu uno dei 25 prescelti a formare la lista dei Consiglieri di Stato. Uomo di coraggio, con una deputazione di pochi altri animosi, andò incontro al Re fedifrago, allorchè questi ritornava dal Congresso di Laybach nel Reame alla testa delle schiere austriache; e, solo dopo lo scoppio della controrivoluzione ad opera dei Borbonici, lasciò il Parlamento in Napoli e solo per la forza che lo costrinse.
Tratto da Puglia d’Oro, Vol. I., Edizioni Puglia d’Oro, 1936

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.