In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

CON IL PATROCINIO GRATUITO DI
logo carnevale putignano
FONDAZIONE DEL CARNEVALE DI PUTIGNANO
logo chiesa di san pietro

CHIESA SAN PIETRO APOSTOLO

Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

logo visita putignano

 

palazzo carusio stemma pietra 1519297353Questo palazzo in origine apparteneva alla famiglia degli Scaglioni già proprietari della masseria Scaglioni posizionata di poco superato Monte Serio, da tale famiglia deriva il nome della strada che conduce all'ingresso dello stesso!
 
Il vescovo Giovanni Innocenzo Carusio compró questo palazzo dagli Scaglioni e dai Bruni nel 1693 e nel 1700! Ora é di proprietá degli ultimi 5 discendenti!
 
Giovanni Innocenzo Carusio di Ambrogio ed Angela Proculo fu dato alla luce in Putignano il 9 Agosto 1651. Datosi con impegno ed indefessa applicazione allo studio delle scienze divine ed umane, toccò il colmo della erudizione e della letteratura. Nel Settembre 1671 col permesso del Cardinal Caracciolo fu in Napoli iniziato nel Sacerdozio e nel 1675 partito per Roma fu ivi nell’Ottobre 1678 promosso a Dottore in diritto Canonico e Civile e poscia nella stessa epoca spedito dal Cardinale Marco Antonio Barberini qual Vicario Generale a Sarsina nelle Romagne, quindi a 25 Novembre 1680 alla Badia di Farfa (Rieti), a 3 giugno 1688 al Vescovado di Monte Falisco (Montefiascone) e nel 1701 a quello di Sabina.
 
CLEMENS XIPapa Clemente XI confermò di essersi liberata in Putignano l’Abazia di Santa Maria la Greca per la morte di Stefano Mirizio a 12 Dicembre 1705 e  conferì, appunto, al detto Carusio. Dovendo ritornare a Roma, il Carusio, venne li 27 Novembre 1706 prescelto a Vicario Generale di Valva e Sulmona, non attese a far eseguire la Bolla di nomina all’Abbazia di Santa Maria la Greca distinguendosi nel citato Vicariato per spirito di umanità quando avvenne il disastro di uno spaventevole terremoto.
Nel 1702 divenne anche Vicario Apostolico a Cosenza e nel 1706 Limosiniere Pontificio nella Marca Anconetana e in ultimo lo stesso Clemente XI lo designò nel Novembre 1707 a Vescovo di Muro nella Basilicata dietro la morte del predecessore Andrea Sarnelli da Bracigliano (Salerno) li 15 Settembre 1707 conferendosi li 21 Dicembre stesso anno dal Cardinale Paulucci assistito da Monsignor Gaeta Arcivescovo di Bari e Monsignor Sanfelice Vescovo di Nardò.
 
Governò tale residenza con impegno, dedizione e virtù, e dopo un’infermità di un anno e mezzo circa morì 7 Gennaio 1718 e fu sepolto nella Cattedrale nell’antico Sacellum dove c’erano altri predecessori.
Tal Vescovo a 3 Novembre 1717 consegnò al Capitolo Cattedrale ducati 700 e tomoli 400 di grano che venduto a carlini 5 il tomolo fruttò altri ducati 200 perché s’impiegassero in annue rendite, in un terzo pel Capitale per un nuovo Mansionario alla Cattedrale detto perciò Carusiano, in altro terzo per dodici preti i quali ogni anno in tempo dell’Avvento e Quaresima dovessero recitare l’Ufficio della B. Vergine nella Chiesa della Madonna del Soccorso e l’ultimo terzo per Capitale della Sagrestia della Cattedrale. Il Capitolo volle porre il suo Stemma, cioè in scudo Sannitico tre gigli d’oro trasversalmente in campo azzurro una banda d’argento e la seguente Iscrizione che vedevonsi sugli armadi della Sagrestia già distrutti dall’ultimo incendio del 10 Giugno

 

D.O.M. Joh. Innocentio Carusio Episcopo Murano Huiusque Hierophilacei Perpetuo benefactori Qui obiit 8 Idus Ianu. MDCCXVIII Capitulum Murarum C.A.M. P(osuit) Anno a Virginis parto MDCCXXX
Il Putignanese Giambattista Notarangelo nei suoi Epigrammatum (libri octo) così dice di tal Vescovo
Emersit tandem tua praestantissima virtus
Teque haec ad meritos extulit ipsas gradus
Ad Muri Sacrum te sedem erexit ibique
Ipse preces Christi cultus honore gregi
Exemplis, verboque Dei, pietate magistra
Ducrus commissos quam bene pascis oves
At si spectetur probitas, doctrinaque vestra;
Non Muri mitra, murice dignus erat

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.