In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

logo visita putignano

Dall'oblio alla luce - intervento sulla Pietà di Santa Maria La Greca

a cura del Prof. Vito Intini promotore del restauro

 

copertina pietàÈ una giovane donna dalle mani eleganti e gentili, dallo sguardo spaurito, perduto in un pensiero che ari­va da lontano, quasi stupita di essere al centro di un mistero così smisurato: essere la madre del Predestinato, la Vittima Divina, il suo unico .figliolo, l'essere più buono, puro, innocente fra i tanti che pure sono apparsi su questa terra martoriata.

Siamo di fronte alla raffigurazione di una madre, con il volto di una giovane pura e semplice, ma il suo grembo ci appare come un altare maestoso, accecante. Una "Cattedrale di Silenzio" per David Maria Turoldo. Una "Mater dolcissima( ... ) povera e giùsta nella misura d'anwre" scrive Quasimodo nella Lettera alla madre. II poeta siciliano scrive alla propria madre ma sappiamo a chi la paragona e a chi, di conseguen­za, ma con tocco lieve e ironico, associa se stesso quando affenna che di certo, " povero, così pronto ùi cuore lo uccideranno un giorno in qualche luogo". Ognuno di noi corre col pensiero alla propria madre. Possiamo solo intuire quel che può accadere nel cuore di una madre di cui abbiano torturato, ucciso e scem­piato il corpo dell'unico figlio.

Abbiamo il comprensibile impulso di distogliere lo sguardo. Chiudere gli occhi. Rimuovere tutto. Perché il semplice pensiero ci inorridisce.
Ma l'arte esiste esattamente per questo: all'artista è dato il compito di riconsegnarci nella sua nuda verità, nelle forme più nobili e comprensibili da tutti, la pos­sibilità di assistere e compartecipare, senza soccombe­re, a quello che non sapremmo altrimenti rappresentar­ci. Eccolo lì, l'Agnello di Dio, piagato, con le gambe magrissime, dinoccolate, fennate nello spasmo dall' ul­timo istante di una terrificante agonia. li corpo è con­tratto nella lotta finale. L' estremo respiro che gonfia le vertebre testimonia del desiderio profondo e tutto umano di amore per la vita. Gli occhi sono semichiu­si. Notiamo con orrore il grigio immobile di chi è con­segnato alla morte. Gli occhi sono rivolti verso l'alto, come una richiesta, come un'offerta estrema, si intra­vedono le pupille gonfie di pena, sembra che ci guardi e ci dica in un sussurro "Non basta questo? Finirà con questo il dolore nel mondo?"

Non conosciamo, ancora, chi sia l'autore di quest'ope­rà che ci tocca così da vicino, ma sappiamo benissimo per quale motivo riesca a commuoverci così profonda­mente: questo corpo umile, ferito, umiliato, offerto nella sua scomposta nudità allo sguardo del mondo, rappresenta in modo luminoso e inequivocabile tutte le sofferenze di tutti i perseguitati di tutti i luoghi del mondo, di oggi di ieri e, sappiamo, purtroppo, anche di domani presi a calci, reietti, malmenati e torturati fino alla fine, all'annichilimento. Senza pietà alcuna. Qualcuno ha detto che l'arte è sempre attuale, anche se è stata creata secoli addietro. Si può aggiungere che l'arte non è mai innocua in quanto ci stimola a fare i conti con quello che siamo e che pensiamo. L'arte è sempre un incontrarsi decisivo e non smette di esser viva, di pulsare, di interrogarci. E di farci fremere. Non è indispensabile essere credenti per essere soggiogati dalla bellezza e dalla verità così evidenti di quest' ope­ra. Qui incontriamo un Cristo povero di legno dipinto che rappresenta e 1iassume in sé tutti gli assetati di amore e di giustizia. È questo che ci commuove profondamente e spero che riesca a ricordare a tutti noi quello che il Cristo dei Vangeli ha affermato senza alcuna possibilità di equivoci: chi si china a soccorre­re, chi sostiene, chi cura, chi aiuta il prossimo che sof­fre vede il volto stesso di Dio.

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.