In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

CON IL PATROCINIO GRATUITO DI
logo carnevale putignano
FONDAZIONE DEL CARNEVALE DI PUTIGNANO
logo chiesa di san pietro

CHIESA SAN PIETRO APOSTOLO

english.png
Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

logo visita putignano

Paolo Vinella, "Nu vas" e "a sarc'n", due racconti antichi

In passato, ho scritto diverse cose in dialetto putignanese, purtroppo smarrite nel tempo. Sono riuscito a ricostruire qualcosa a memoria (“Nu vas…!”, “Un bacio…!”, riportato qui di seguito), mentre “A sarc’n” (“La fascina”), anch’esso riportato qui di seguito, si era salvato perché, qualche mese dopo la stesura, fu pubblicato sul numero di marzo 1995 del mensile AGORA’, primo giornale locale intercomunale del nostro territorio, con redazione a Noci, a cui collaboravo.
Il proto, che all’epoca componeva gli articoli per la stampa ricopiandoli manualmente dal testo scritto a macchina dall’autore (non si disponeva ancora di un PC, né di internet), non conoscendo il dialetto putignanese, commise una serie di errori, ora corretti nel testo qui riportato.
 
   “A sarc’n”, nel testo della stesura originaria, fu anche presentato (maggio 1995) al concorso letterario “Rassegna Regionale di POESIE E NARRATIVA NEI DIALETTI PUGLIESI” di Molfetta. Furono assegnati tre primi premi ex aequo, di cui uno proprio al mio racconto “A sarc’n” (LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO, 31.05.1955 - pag. 28).
 
   Entrambi i racconti, corredati della versione in italiano che può essere d’aiuto per chi non avesse dimestichezza con il nostro dialetto, hanno preso spunto da storie ed esperienze di vita vissuta raccontate, nel nostro dialetto nel corso di diverse conversazioni amichevoli, da persone già molto avanti negli anni. E’ toccato a me strutturarne l’architettura narrativa, per organizzare il racconto nel nostro dialetto che tanto amo, preservandone comunque i preziosi riferimenti, oltre che al dialetto, anche alle esperienze di vita vissuta ed alle vicende realmente accadute. I nomi, ovviamente, sono di fantasia, eccetto quando sia esplicitamente indicato il contrario. Quanto ai riferimenti temporali, le vicende di “Nu vas…!” si riferiscono alla metà circa degli anni ’30 del secolo scorso, quelle di “A sarc’n”, all’immediato secondo dopoguerra (seconda metà anni ’40).
 
    Le indispensabili note di chiarimento, indicate con un numero tra parentesi, sono riportate in calce alla rispettiva versione italiana.
 
    La trascrizione delle lingue di tradizione orale, come i nostri dialetti (fanno eccezione il napoletano e qualche altro che hanno una tradizione scritta consolidata), è abbastanza complessa, anche per la presenza di diverse scuole di pensiero. Personalmente, per la trascrizione del dialetto putignanese, ho sempre privilegiato la semplice trascrizione fonetica sulla base dell’alfabeto italiano, salvo qualche rara indispensabile eccezione. Per esempio, l’apostrofo, all’interno della parola e senza spazi vuoti, indica la presenza della vocale muta, mentre, l’apostrofo vero è quello seguito da uno spazio vuoto (u llev’r = il libro, l’ er’v = l’erba). L’esperienza mi ha insegnato come sia questa la soluzione più adatta a favorire la lettura da parte di chi conosca poco, o niente, il nostro dialetto.

 

 

NU VAS...!

(N’cu’l, Cataren, dun Giuann, dunna Calm’nten/donna Clementina,

Ciccill u pastor, Melin, Vastian l’antir)

   Cià n’ si’ to, professor, da veta nost… A vu sent a stori’ d N’cu’l? Mo ta cont.

   L’arta maj’ i’r zappator i m’ er mparat por a fa u par’tar. Ej’ a canuscev bun a mamm de N’cu’l, Cataren, na pov’ra sv’nturat, na vera pov’raiedd, fascev i s’rvezi’ a ion di megghj’ famegl d Putignan, dun Giuann i donna Calm’nten, padron de massarej’ ca mangh lu’r i sapev’n tott. A fen u mes, a pagh de Cataren: nu cogn de fermagg, na sacch’todd de faren i menza buttegl d’ugghj’ aff’tisciot.

    Donc, N’cu’l nascej’ senz’ attan. Quann er accum’nzà a scej’ a scu’l, dun Giuann su purtej’ a massarej’-a na bott de scuppett do paes-, a pasc na morr d gadd’nacc (1). I  prem dej’, Ciccill u pastor u mbarej’ cu ncoch i bott d nu bell baston ca s’er fatt p ‘ accarrà i pech’r. I N’cu’l accum’nzej’ a purtà i gadd’nacc a pasc nde terr, a r’mman alluciscenn, fin a menzarej’ quann s’ntev a tromb de Ciccill.

   Acussè, stu pover piccenn de N’cu’l criscej’ a massarej’, senza na scu’l –u pastor ng’ er mparat schett a cuntà i gadd’nacc ogni volt ca s r’trav a massarej’(2)-, senza sapaj’ ca stav u paes i l’alt cr’stian, all’ infu’r d chedd da massarej’ d dun Giuann i d chedd de l’ata massarej’ ri’t o vosch. Pi’sc d n’ an’mal! I capedd, ogni tant, ngi fascev Melin, a p’cc’ledd i s’rvezi’ d dunna Calm’nt’n. Quatt mazzat d furc’v i ng fascev nu bell m’lon, ca s non N’cu’l s’anghiev de p’docchj’ pi’sc de na can. A fen u mes, dun Giuann ng purtav, a Catar’en, a mamm ca N’cu’l manc canuscev, pinzatell, na duzzena d’ u’v i na gaddena vecchj’, c’ almi’n fascev u bru’r i pruav nu murs de carn. Ma Cataren s n mors sobb’t i f’nej’ por stu fastedij’ p dun Giuann…

   P falla bri’v, l’ann passav’n i N’cu’l d’v’ntej’ nu bel guagnon, por c’ iass’m’gghiav cchiou’ a nu zulù c’a nu cr’stian. Mi’ ni na sciot o paes, ca s v’rev nan tanta luntan accumm a nu pr’sepi’, ni n’amech, ni na p’cc’ledd. Mi’ na sciot a na p’tti’, ca nan sapev manc a cià s’rven i solt. Manc n’ an’mal, ma nan i’r capasc d fa mal a n’scion. I cià n sapev, pover N’cu’l, d tott sti fatt’r? Er lassat a morr i gadd’nacc a n’at piccenn, ch’ er arr’vat a massarej’ dopp de iedd, i iedd mo purtav a pasc na morr d cchiou’ d nu cent’nal d crap i pec’r. Ciccill, u pastor ca oromaj’ er fatt vecchj’ i er sciot a f’nesc e Cappuccen (3), l’ er nsignat bun. Quann s’acchiav nu murs chiù allacanzat, zappav i arr’s’riav u giarden i l’ urt a donna Calm’nten, donna Clementina, accumm ng’ er mparat dun Giuann. “Servo vostro, donna Clementina”, er’n l’ on’ch parol talian ca ng’ er mparat dun Giuann. I cia ier u talian? Cià n sapev cud pove’r N’cu’l?

   Vastian, l’antir d f’doci’, u l’ccacol d dun Giuann, pi ord’n semp d dun Giuann ca n’g’ er dat por ncoc i solt p paga’ p tott i du’, l’er purtat nu par d volt cu iedd, da vicen, a femm’n ca fascev i grazi’ e guagnon i ng mparav ciò ch’ er’n affà cu i p’cc’ledd. A N’cu’l ng’ er piasciot, accumm ng pot piasciaj’ a na pec’r o a na crap. Ma N’cu’el er semp nu cr’stian i s mparej’ quant potess dolc nu vas. “Nu vas…!” s’ er mparat sta parola nu’v ca ng’ ianghiev a vocc, “Nu vas…!” . I ogni tant s’arr’curdav i u r’p’tev: “Nu vas...! Nu vas…!”.

   Nu dopp’mangià d na bella sciurnat de sol, ej’ m’acchiav a massarej’ chiamat da dun Giuann p’ addresc nu paret scuff’lat. N’cu’l s’er retrat cu a morr d crap i pec’r i, cumm fascev semp, l’er cuntat i m’ngiot. Donna Calm’nten era chiantà, nda na grasta cchiù gross, na bella ru’sa mprofumat, bianc i ross, ca dun Giuann ng’ er annott da Bar’ “con tanta passione!”. N’cu’l capiscev, all’abb’c all’abb’c, schett ngoch i parola talian d donna Clementina, abbast ca parlav nu murs bell bell: “Nicola, vai nel giardino e portami un-va-so! Un-va-so! Hai capito? Un-va-so. Perché fai quella faccia…?”Nu vas…, nu vas… a donna Clementina! Servo vostro, donna Clementina!!!”, pront N’cu’l cu na vosc tutta cuntent, i se menej’ ch’ er agguantà donna Clementina p’ accuntantall i dar’ng nu vas a mod sou’! Donna Clementina accum’nzej’ a strep’tà i a vramà manc na scrofa scannat! Immediatament arr’vej’ fuscenn dun Giuann, ca stav dà vicen, cu na sort de pezz u vu’v, s’cutat da Vastian, l’antir, ca a santat a t’nev i già er agguantat nu sort de palascion ca stav dda appusciat a frabb’ch. Ej’ m fascibb manc nu pezz’ch d podd’sc i m’ascunnibb ret o paret ca st’ addr’scev.

   Pov’r N’cu’l, quann mu vec nnanz all’occhi’r maj’ ancuer io’sc a dei’! A fori’ d mazzat de palascion i d calc ncurp, mbitt, mbacc cu i st’val f’rrat ca purtav semp dun Giuann, ng’ iasser’n i ntram da ngann, spazzanat d’oss’r, n’da nu mar de sang, sott all’ arv’l u cilz nnanz a massarej’. Quann dun Giuann i Vastian, manc do lop arrabiat, f’nalment s’ a f’ner’n, u pov’r N’cu’l n’an r’sp’rav cchiou’. U scaffar’n ndà su sacc mpermeab’l i l’ascunner’n nda canten. Dopp n’orett, a scr’sciot, Vastian i n’ at operaj’, a pr’senz de dun Giuann, cu zapp i zappon, scavar’n na sort de foss n’do fonn du vosch au’ se prucuav’n l’an’mal murt, m’nar’n abbasc u povr N’cu’l, vev o murt ca ier, i l’abbugg’car’n d terr, manc nu can arrabbiat. Tant, ciù canuscev a N’cu’l? 

   Dopp qualche i timp, quann m passej’ u gnumm’r ca t’nev sop o stom’ch p tott i purcarej’ ch’ er vest a massarej’, i sapenn i fatt’r ca m cuntav padr’ Andraj’ quann ng scià fascev i fategh a vell au’ se fascev a v’llgiator l’estat, m venn’r cert penzir… Como maj’ ca dunna Calm’nten nan fascev a stess ammuen quann scev a cunf’ssars i dun D’nat, dolc dolc, ng calav na man nnant i l’ ata ri’t? Como mai…? A man d dun D’nat c‘ anni’r mi’ fat’gat, er cchiù g’ntel d chedd de N’cu’l ch’er semp tragghiat, quas nascenn nascenn? Car professor, u gost u ciocc i’ u sal’mint …! S’ i tr’m’ndev dun Giuann i corn ca ng’ iaddr’scev’n mbront…? 

   Amar a te, pov’r N’cu’l, ca nascist d’sp’rat i fegghj’ d pov’ridd i avist a ceffà cu mala gent!!!

   Chess i’ a storia nost, car professor, almi’n fin a quann stu monn no cangiam…

     

Paolo Vinella (Saramacchj’)

Dicembre 2019

     

                

 

UN BACIO…!

(don Giovanni, donna Clementina, Caterina, Nicola, Ciccillo il pastore, Sebastiano il capo operaio, Melina)

 

   Che ne sai tu, professore, della vita nostra… Vuoi sentire la storia di Nicola? Te la racconto subito.

   Il mio mestiere era zappatore ed avevo imparato anche a fare il paretaio. Io la conoscevo bene la mamma di Nicola, Caterina, una povera sciagurata, una vera sventurata, faceva la donna di servizio presso una delle migliori famiglie di Putignano, don Giovanni e donna Clementina, padroni di masserie che non conoscevano nemmeno tutte. A fine mese, questa era la paga di Caterina: un pezzo di formaggio, un piccolo sacchetto di farina e mezza bottiglia di olio rancido.

   Dunque, Nicola nasceva senza padre. Quando avrebbe dovuto cominciare ad andare a scuola, don Giovanni se lo portò alla masseria –a un tiro di schioppo dal paese-, a pascolare uno branco di tacchini. I primi giorni Ciccillo il pastore lo addestrò, con l’aiuto di qualche botta di un bel bastone che si era costruito per condurre le pecore al pascolo. E Nicola cominciò a condurre i tacchini a pascolare nei campi, dallo spuntare del sole, fino a mezzogiorno, quando sentiva il corno di Ciccilo.

   Così, questo povero bimbo che era Nicola crebbe alla masseria, senza una scuola –il pastore gli insegnò soltanto a contare i tacchini ad ogni ritorno alla masseria-, e senza sapere che c’era il paese e le altre persone, oltre quelle della masseria di don Giovanni e quelle dell’altra masseria oltre il bosco. Peggio di una bestia! I capelli, ogni tanto, glieli tagliava Melina, la ragazza di servizio di donna Clementina. Quattro mazzate di forbici e gli faceva un bel mellone, altrimenti Nicola si sarebbe riempito di pidocchi peggio di una cagna. A fine mese, don Giovanni portava a Caterina, la mamma che Nicola nemmeno conosceva, pensa un po’, una dozzina di uova e una gallina vecchia, così almeno faceva il brodo e provava un po’ di carne. Ma Caterina morì presto e finì pure questo fastidio per don Giovanni.

   Per farla breve, gli anni passavano e Nicola si fece un bel ragazzo, anche se sembrava più un selvaggio che una persona civile. Mai, né un’andata in paese, che si vedeva non molto lontano come un presepe, né un amico, né una ragazza. Mai andato ad un negozio, ché non sapeva nemmeno a cosa servissero i soldi. Peggio di una bestia, ma non era capace di far male ad alcuno. E che ne sapeva, povero Nicola, di tutte queste storie? Aveva lasciato il branco di tacchini ad un altro bambino che era arrivato alla masseria dopo di lui, mentre lui adesso portava a pascolare un gregge di oltre un centinaio di capre e pecore. Ciccillo, il pastore, che ormai s’era fatto vecchio ed era andato a finire ai Cappuccini, l’aveva istruito bene e, quando si trovava un po’ più libero, zappava e teneva in ordine il giardino e l’orto di donna Clementina, “donna Clementina”, in italiano, come gli aveva insegnato don Giovanni. “Servo vostro, donna Clementina”, erano le uniche parole italiane che gli aveva insegnato do Giovanni. E che cos’era l’italiano? E che ne sapeva quel povero Nicola?

   Sebastiano, il capo operaio di fiducia, il lecchino di don Giovanni che gli aveva dato pure qualche soldo per pagare per entrambi, l’aveva portato un paio di volte con lui, lì vicino, alla donna che faceva le grazie ai giovanotti ed insegnava loro ciò che dovevano fare con le ragazze. A Nicola era piaciuto, come dovrebbe piacere ad una pecora o a una capra. Ma Nicola era pur sempre un essere umano ed imparò quanto può essere dolce un bacio. “Un bacio…!” (“Nu vas…!”) aveva imparato, questa parola nuova che gli riempiva la bocca. “Un bacio…!” (“Nu vas…!”), ogni tanto si ricordava e ripeteva: “Un bacio…! Un bacio…!” (“Nu vas…! Nu vas…!”).

   Un pomeriggio di una bella giornata di sole, mi trovavo alla masseria chiamato da don Giovanni per risistemare un  parete rovinato. Nicola era già rientrato con il gregge di capre e pecore e le aveva, come sempre, contate e munte. Donna Clementina doveva trapiantare, in un vaso più grande, una bella rosa profumata, bianca e rossa, che don Giovanni gli aveva portato da Bari “con tanta passione!”. Nicola comprendeva, molto stentatamente, solo qualche parola in italiano di donna Clementina, purché parlasse lentamente. “Nicola, vai nel giardino e portami un vaso! Un – va – so! Hai capito? Un – va – so! Perché fai quella faccia…?” “Nu vas…, nu vas… a donna Clementina! Servo vostro donna Clementina!!!”, pronto Nicola, con una voce tutta contenta, e si lanciò ché doveva afferrare donna Clementina per accontentarla e darle un bacio (nu vas) a modo suo! Donna Clementina cominciò a strepitare ed urlare manco una scrofa scannata. Immediatamente arrivò di corsa don Giovanni, che stava lì vicino, brandendo un enorme nerbo di bue, seguito da Sebastiano, il capo operaio, cui la forza non mancava e che aveva afferrato una specie di piccola trave che stava lì, poggiata al muro. Io mi feci piccolo piccolo e mi nascosi dietro al parete che stavo sistemando.

   Povero Nicola, come me lo vedo davanti agli occhi miei ancora oggi! A furia di legnate dappertutto e di calci nelle costole, in petto, in faccia con gli stivali ferrati che portava sempre don Giovanni, gli uscirono le budella dalla bocca, le ossa fracassate, in un lago di sangue, sotto l’albero del gelso davanti alla masseria. Quando don Giovanni e Sebastiano, manco due lupi rabbiosi, finalmente se la finirono, il povero Nicola non respirava più. Lo infilarono in un sacco impermeabile e lo nascosero nella cantina. Dopo circa un’ora, all’imbrunire, Sebastiano ed un altro operaio, alla presenza di don Giovanni, con zappe e picconi, scavarono una grande fossa nella vallata del bosco dove si seppellivano gli animali morti, gettarono giù il povero Nicola, vivo o morto che fosse, e lo coprirono di terra, manco fosse un cane rabbioso. Tanto, chi lo conosceva a Nicola?

   Dopo qualche tempo, quando mi passò il magone che mi aveva bloccato lo stomaco per tutte le schifezze viste alla masseria e collegando con i fatti che mi raccontava padre Andrea quando andavo a fargli i lavori alla villa dove passava la villeggiatura in estate, mi vennero certi pensieri… Come mai donna Clementina non faceva le stesse scenate quando andava a confessarsi e don Donato, quieto quieto, le calava una mano davanti e l’altra dietro? Come mai…? La mano di don Donato, che non aveva mai lavorato, era più delicata di quella di Nicola che aveva sempre lavorato duro, quasi dalla nascita? Caro professore, si dice che al somaro, checché ne dica il padrone, piaccia proprio il tralcio della vite…! Se le guardava don Giovanni le corna che gli crescevano sulla fronte?

   Povero Nicola, che nascesti sventurato e figlio di povera gente e ti trovasti con gente malvagia!!!

                                                          

Paolo VINELLA (Saramacchj’)

Dicembre 2019

 

 

  • Era la sorte che toccava, più o meno, ai bambini del Sud, maschi e femmine, delle famiglie più diseredate degli strati popolari, praticamente la grande maggioranza della popolazione infantile. Era ancora così quando io stesso, più fortunato, ho iniziato le elementari, nel 1944. Nella seconda metà del secolo scorso, il fenomeno dei “bambini-pastori della Murgia” acquistò rilevanza sociale a livello nazionale.

Nelle carte del processo per la sommossa popolare di Putignano (13-14 maggio 1902), che coinvolse la maggioranza della popolazione putignanese e si concluse con la morte di Margherita Pusterla sotto i colpi dei moschetti da guerra di Vitt. Emanuele III e di Giolitti (I TUMULTI DI PUTIGNANO DEL 1902 E LA MORTE DI MARGHERITA PUSTERLA – Saggi introduttivi di Giulio Esposito e Paolo Vinella – Regione Puglia 2004), è documentato che, in assenza di un movimento operaio e popolare organizzato, uno dei motivi della protesta popolare spontanea, oltre le miserevoli condizioni sociali ed economiche, fu l’introduzione della scuola obbligatoria (prime due o tre classi delle elementari) che sottraeva i bambini al lavoro dei campi, magro integrativo allo stentato sostentamento familiare. E’ stato nei decenni successivi -soprattutto dopo la caduta del fascismo e con lo sviluppo del movimento operaio e sindacale e dei partiti a base democratica, nonché della coscienza individuale-, in particolar modo negli anni ’50-’60, che anche gli operai salariati, figura sociale di gran lunga prevalente nel nostro paese, hanno rivendicato decisamente e conquistato l’accesso a tutti i livelli dell’istruzione pubblica e della cultura in genere anche per i propri figli.

  • Se qualche animale mancava perché smarrito al pascolo, dopo gli inevitabili ceffoni di don Giovanni, per “imparare”, Nicola doveva percorrere a ritroso il percorso fatto con gli animali e tornare alla masseria solo dopo averlo ritrovato. Poteva anche succedere che uno o più tacchini fossero stati catturati dalle volpi che se ne cibavano (perciò i bambini pastori avevano con sè un cane o almeno un bastone per scacciarle). In tal caso, altri sonori ceffoni e qualche giorno di digiuno, sempre a scopo pedagogico… .
  • “I Cappuccini”, nel linguaggio popolare (politicamente corretto = “Ricovero di mendicità”), era un’istituzione pubblica caritatevole gestita dal Comune di Putignano nei locali dell’ex Convento dei Cappuccini, diventati Direzione sanitaria ospedaliera quando entrò in funzione l’attuale ospedale di Putignano (inizi anni ’60 del secolo scorso circa). Vi si accoglievano gli anziani poveri privi di ogni possibilità di sopravvivenza, praticamente mendicanti.

 

A SARC’N (1)

   Dopp a guerr u quarant -manch i can a guerr...,  menomal c’avibb a f’rton d r’trarm- i’r amar v’rament! Tann er’m quas tott iumm d fuer, senz nscion d’rett; a fateg er pecch i a fam addr’scev. Scemm por a b’trari’ (2), ma nann cavamm nodd. M’arr’cord nu sciop’r, na volt, for a port (3), ca u stradon stav chien d’umm d fuer da pont a pont... Tann parev ca i patron a v’ngev’n semp lu’r, ma pu’, dall iu’sc i dall cri’, i cos so cangiat da ngil nterr: quann iej’ scev a sciurnat, mo a Cunfurt (4), a patron Ces’r Cacat’rron, mo a Madonn a Grazi’, o s no a met’r i a s’m’nà a Chinocond a patron V’tocc Spaghett, c l’era iess dett ca nu zappator minz analfabet accumm a mem iera iess fatt nu fegghj’ ng’gnir..?!? (5)

   P desc’t accumm s campav tann, marr’cord nu sap’t a sser –ej’ er ancu’r vacandej’- o timp i s’mint, n r’tramm pass pass, acces d fatech, da Madonn a Grazi’. Quas ca nan s’aff’ttav chiou’ i, cu nu cumpagn, n m’namm nda macchj’ p’accogghj’ do zepp’r, do ramagghj’ s’ccat p cusc’nà i ncallesc’n nu murs e cas’r. Quant stamm, fascemm do bell sarc’n. Ehj’ saiett! Manc n l’erm car’cat sop e cust, ca -cu ng car na gocc!-, da ri’t a nu v’sc’gghion au’ s’er’n asch’nnot, assern do guardian cu retrocar’c:

   “Altolà! F’rmat’v… o sparam!”.

   Ej’ na p’nzibb do volt: sc’ttibb a sarc'n, nu zomb i m n fuscibb cost a cost u par’ton. Chedd sparar’n, ma iej’ oromai m n’er f’sciot. Quann azibb a cap i v’ribb ca u cumpagn mej’ er stat ancappat, na m fesc d lassall sol i m fascibb ancappà por iej’. Cu i sarc’n ngudd i u fucel ret e cust, manc do d’l’nguint, n purtar’n nnanz o S’gnuren, u patron a macchj’, ca già er scr’sciot i nan s’aff’ttav cchiou’:

   “In galera vi mando, che in galera! N’galaj' s’ta scej’, razz d d’l’nguint c’an set alt! Accussè s’arrobb?”, iucch’lav u S’gnuren cu chera cera verd ca t’nev... U cumpagn tr’mm’lav:

   “U S’gnuren, p’rdun... nou’ no sapemm ca s’gn’rej’ nan vuliv... I zepp’r stav’n a mbrac’tesc nda macchj’... i ndo ios fasc fredd ... I piccenn ston tott accust’pat i Taries nan sap mang accumm o ppiccià nu murs d fuch p cusc’nà do faf... C n mann n’galaj’, c  ngiò ddà a mangià e piccenn?”. Iej’, nan d’scev manch na parol, ca m s’ntev u sang salej’ fen a cem i capedd:

   “I zepp’r sont i  maj i pot’n por mbrac’tesc... ma voi non dovete toccare nemmeno uno spillo! I piccenn s’on ab’tuà o ffredd i ona cresc cchiù furt!”. Iedd iucch’lav i iej’ nan aff’ttav chiou… no sacc ancu’r iu’sc c m mant’nej’ a m'nar’ng i man ngann i fall tutton a cap cu a frabb’ch.

   “P'rdun, u S'gnuren... », dìscev u cumpagn.

    “Va bene, stasera mi trovate generoso e vi perdono... Per questa volta mi lascerete qui i sarc’n i zepp’r e mi farete cinque giornate di lavoro per ciascuno in campagna. Senza paga, s’intende”. “I cumm ama campà, s’gn’rej, c nann pagh?”. “Non vi preoccupate..., verrete quando vi trovate senza lavoro... ncoch i d’men’ch ca v’acchiat abbind... Non vi preoccupate, non mi dimentico, io. I mo, sciatavenn da nanz all’occhier maj’ !”.

   A capet, car professor? I n scià r’tramm mosc mosc e cas’r. C l’era desc’r co monn era sc cangià a sta mani’r... u S’gnuren, s’u p’nzav? Nan so passat manc ciunquant’ann ... Cià ne si’ to, car professor, da veta nost...

                                                              

Paolo VINELLA (Saramacchj’)

Marzo 1995 

 

 

LA FASCINA

 

   Quando finì la guerra del 1940 –nemmeno ai cani auguro la guerra…, meno male che ebbi la fortuna di tornare a casa- era davvero amara la vita! Allora eravamo quasi tutti braccianti agricoli, senza alcun diritto; il lavoro scarseggiava e la fame cresceva. Andammo pure al lavoro “arbitrario” (1), ma non ne ricavammo niente. Ricordo uno sciopero, una volta, fuori la porta (2), quando lo ‘Stradone’ (nome popolare del C.so Umberto I) era pieno di braccianti dall’inizio alla fine… Allora sembrava che la vincessero sempre i padroni, ma poi, dalli oggi e dalli domani, le cose sono cambiate dal cielo alla terra: quando andavo a lavorare alla giornata, ora a Conforto (3) al padrone Cesare ‘Cacat’rron’, oppure alla Madonna delle Grazie o alla mietitura e alla semina a Cunegonda, al padrone Vituccio ‘Spaghett’, chi l’avrebbe mai detto che uno zappatore, mezzo analfabeta come me, avrebbe fatto un figlio ingegnere..?!?

   Per dirti come si viveva allora, ricordo un sabato sera –ero ancora scapolo –, (dopo una giornata di duro lavoro) al tempo delle semine autunnali, ritornavamo a casa a piedi, uccisi dalla fatica, dalla masseria Madonna delle Grazie. Quasi non si vedeva più e (lungo la strada), con un compagno, entrammo in un bosco a raccogliere un po’ di rami secchi per cucinare e riscaldarci un po’ alle nostre case. Ci bastò poco per fare due belle fascine. Accidenti! Le avevamo appena caricate sulle spalle, che  –gli venga un accidenti!-, da dietro un grosso cespuglio dove erano nascosti, uscirono due guardiani armati di fucile a retrocarica:

    “Altolà! Fermi o spariamo!”

   Io, non ci pensai due volte: gettai la fascina, un salto e me ne scappai nascondendomi lungo un alto parete. Quelli spararono, ma ormai me n’ero scappato. Quando alzai la testa e vidi che il compagno era stato acchiappato, non me la sentii di lasciarlo da solo e mi feci prendere anch’io. Con le fascine sulle spalle e il fucile alla schiena, manco due delinquenti, ci portarono davanti al Signorino, il padrone del bosco, che già s’era fatto buio e non si vedeva più:

   “In galera vi mando, che in galera! In galera dovete andare, razza di delinquenti che non siete altro! Così si ruba?”, urlava il Signorino con quella cera verde che aveva… Il compagno tremava:

   “Signorino, perdono… noi non sapevamo che vossignoria non voleva… I rami secchi stavano a marcire nel bosco … e nel sottano fa freddo … i bambini sono tutti raffreddati e Teresa non sa nemmeno come accendere un po’ di fuoco per cuocere due fave… Se ci mandi in galera, chi darà da mangiare ai bambini?”. Io, non dicevo nemmeno una parola, ché mi sentivo il sangue salire fino in cima ai capelli:

   “I rami secchi sono miei e possono anche marcire… ma voi  non dovete toccare nemmeno uno spillo! I bambini dovranno abituarsi al freddo e devono crescere più forti!”. Lui urlava ed io non ci vedevo più… No so ancora oggi chi mi trattenne dal mettergli le mani alla gola e fargli la testa tutt’uno col muro (= sbattergli la testa al muro).

   “Perdono, Signorino…”, diceva il compagno.

   “Va bene, stasera mi trovate generoso e vi perdono… Per questa sera mi lascerete qui le fascine e mi farete cinque giornate di lavoro per ciascuno in campagna. Senza paga, s’intende” . “E come vivremo, vossignoria, se non ci paghi?” . “Non vi preoccupate…, verrete quando vi trovate senza lavoro… qualche domenica quando non avete da lavorare… Non vi preoccupate, non mi dimentico, io. E adesso, andate via dagli occhi miei!”.

   Hai capito, caro professore? E ce ne tornammo mogi mogi alle nostre case. Chi l’avrebbe detto che il mondo sarebbe cambiato a questo modo… il Signorino, lo pensava? Non sono passati nemmeno cinquant’anni… Che ne sai tu, caro professore, della vita nostra…

        

Paolo VINELLA (Saramacchj’)

Marzo 1995

 

 

  • “A sarc’n” (= “La fascina”) è un fascio, tenuto insieme da un legaccio, di ramaglie secche da ardere per riscaldarsi e/o cucinare prima che fossero introdotte stufe e cucine elettriche e a gas, nonché i termosifoni. In mancanza di auto, furgoni, ecc., gli uomini caricavano le fascine sulle spalle o sulla bicicletta, almeno quei rari fortunati che ne possedevano una. Le donne, invece, le trasportavano in equilibrio sulla testa. Tutto questo, naturalmente, per le famiglie dei settori popolari, cioè la grande maggioranza della società. La ristretta minoranza di famiglie “benestanti”, invece, acquistava la legna da ardere, oppure se la procurava dalle proprie proprietà terriere, come, appunto, “u S’gnuren” che addirittura non si fa scrupolo di confiscare le fascine ai nostri poveri protagonisti.
  • Il lavoro cosiddetto “arbitrario” era quello previsto dalla legge sull’imponibile di manodopera che stabiliva l’obbligo, per i grandi proprietari terrieri, di assumere un certo numero di operai in proporzione all’estensione ed alla qualità dei terreni posseduti. Molto spesso, poi, i proprietari scaricavano questi operai sugli affittuari.
  • “For a port” (= fuori la porta) era detto lo slargo antistante l’antica ‘Porta Grande’, andata distrutta, e compreso tra l’inizio di C.so Garibaldi (‘Porta Grande’), l’inizio di C.so Umberto I, la Villa Comunale (attuale P.le A. Moro), il Monumento ai Caduti, il Comune, il Teatro Comunale.
  • Tre nomi di masserie: Conforto, Madonna delle Grazie, Cunegonda, le prime due in territorio di Putignano, la terza di Mottola (tra Gioia del Colle e Mottola), all’epoca condotta in affitto dalla famiglia dei miei nonni e zii, agricoltori putignanesi emigrati a Mottola.
  • Al momento del racconto, il figlio del narratore aveva appena conseguito la maturità per geometri, con ottimi risultati, e si era iscritto alla Facoltà di Ingegneria dove effettivamente conseguì poi la laurea. All’epoca il geometra, figura professionale ancora piuttosto rara, nel linguaggio popolare era chiamato ‘ingegnere’, figura ancora più rara.

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.