In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

CON IL PATROCINIO GRATUITO DI
logo carnevale putignano
FONDAZIONE DEL CARNEVALE DI PUTIGNANO
logo chiesa di san pietro

CHIESA SAN PIETRO APOSTOLO

Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

logo visita putignano

stefano da putignano quad 1517944757Stefano da Putignano fu il più grande scultore operante in epoca rinascimentale in Puglia nacque intorno al 1470, e morì nel 1539 circa.

 

La sua vasta produzione, tutta in pietra policroma, e quella della sua scuola, attiva per tutto il XVII secolo, è sparsa in ogni lembo della regione, dall'estremo nord (S. Agata di Puglia) all'estremità della penisola salentina (Gallipoli), con una puntata in Lucania (Matera).

 

La sua formazione artistica si è svolta in Abruzzo e si è raffinata, frequentando gli ambienti culturali di Napoli e Salerno, e completata operando nella sua terra d'origine.
 

Stefano da Putignano ha operato per lo più per gli Ordini mendicanti, per il piccolo Clero e per la piccola nobiltà creando sculture costruite solidamente, di grandezza naturale, caratterizzate da una forte espressività e plasticità dei volti e da una varia articolazione di panneggi nella resa delle vesti: tutte le opere sono dipinte dall'artista per accentuare il senso naturalistico delle immagini.

 

Si hanno notizie di lui dalla fine del XV secolo (il S. Sebastiano nella Chiesa Ma­trice di Putignano porta la data 149 -, l'ultimo numero è illeg­gibile) al 15.30 (Presepe nella Chiesa del Carmine di Grottaglie). I temi preferiti dall'artista sono: la Madonna col Bambino, ripetuta con poche variazioni nelle Chiese matrici di Noci, Turi, Casamassima, Polignano, Putignano, Cisternino, (1517) e ancora a Gioia del Colle (casa privata), Monopoli (facciata di S. Domeni­co), Matera (Chiesa di S. Domenico, Chiesa del Carmine), Bi­tetto (S. Maria Veterana), Brindisi (S. Benedetto), Copertino (S. Chiara) e Galatina (S. Francesco); e i Presepi, di cui fu il crea­tore piì:i autorevole. Questi si trovano a Putignano (Chiesa Ma­trice), Polignano (150.3, Chiesa Matrice), S. Agata di Puglia (S. Ni­colò), Grottaglie (Chiesa del Carmine), Cassano Murge (S. Maria degli Angeli), Bari (Pinacoteca Provinciale), Gallipoli (Chiesa di San Francesco).

 

Sono da ricordare ancora: S. Pietro in cattedra (1502, Chie­sa Matrice di Putignano), che ricorda sia nell'espressione che nell'impostazione il S. Marco di Niccolò di Pietro Lamberti (Museo di S. Maria del Fiore, Firenze) e il gruppo della Pietà (Chiesa Ma­trice di Polignano), opere solidamente costruite e rese con forte realismo; S. Michele (nell'omonima grotta a tre chilometri da Putignano); S. Antonio (Chiesa di.S. Francesco di Matera e Chie­sa ex riformati di Nardò, 1514); Trinità (Chiesa Madre di Turi) e frammento con committenti (esterno della cripta della Madonna del Soccorso a Monopoli).
 

La maniera di Stefano è chiaramente leggibile anche nell'im­ponente statua di S. Pietro Martire (S. Domenico, Matera) e nelle dodici statue dell'iconostasi del Duomo di Monopoli (oggi collo­tate sulla faèdatà dell'episcopio). Fra tutte queste opere, in parte di fattura artigianale ma sempre saldamente costruite nella fermezza dei piani scultorei, ri­saltano le Madonne di Polignano e di Cisternino per una più viva espressività e più varia articolazione di panneggi, e il presepe di Polignano, le cui nobili figure, di grandezza naturale, anche se statiche, si impongono per evidenza plastica, solennità di atteggia­menti e bellezza delle vesti.

La scultura raffigurante S. Maria di Costantinopoli conosciuta anche come “La Madonna del Cardellino” (1517) è collocata nella navata destra della Chiesa di San Nicola Pàtara a Cisternino. Si ritiene che uno dei due oranti possa essere l’autoritratto di Stefano da Putignano (vedi foto)

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.