In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

logo visita putignano

A sarc'n, ovvero la fascina

Dopp a guerr u quarant -manch i can a guerr...,  menomal c’avibb a f’rton d r’trarm- i’r amar v’rament! Tann er’m quas tott iumm d fuer, senz nscion d’rett; a fateg er pecch i a fam addr’scev. Scemm por a b’trari’ (1), ma nann cavamm nodd. M’arr’cord nu sciop’r, na volt, for a port (2), ca u stradon stav chien d’umm d fuer da pont a pont... Tann parev ca i patron a v’ngev’n semp lu’r, ma pu’, dall iu’sc i dall cri’, i cos so cangiat da ngil nterr: quann iej’ scev a sciurnat, mo a Cunfurt (3), a patron Ces’r Cacat’rron, mo a Madonn a Grazi’, o s no a met’r i a s’m’nà a Chinocond a patron V’tocc Spaghett, c l’era iess dett ca nu zappator minz analfabet accumm a mem iera iess fatt nu fegghj’ ng’gnir..?!?

 

P desc’t accumm s campave tann, marr’cord nu sap’t a sser –ej’ er ancu’r vacandej’- o timp i s’mint, n r’tramm pass pass, acces d fatech, da Madonn a Grazi’. Quas ca nan s’aff’ttav chiou’ i, cu nu cumpagn, n m’namm nda macchj’ p’accogghj’ do zepp’r, do ramagghj’ s’ccat p cusc’nà i ncallesc’n nu murs e cas’r. Quant stamm, fascemm do bell sarc’n. Ehj’ saiett! Manc n l’erm car’cat sop e cust, ca -cu ng car na gocc!-, da ri’t a nu v’sc’gghion au’ s’er’n asch’nnot, assern do guardian cu retrocar’c:

“Altolà! F’rmat’v… o sparam!”.

Ej’ na p’nzibb do volt: sc’ttibb a sarc'n, nu zomb i m n fuscibb cost a cost u par’ton. Chedd sparar’n, ma iej’ oromai m n’er f’sciot. Quann azibb a cap i v’ribb ca u cumpagn mej’ er stat ancappat, na m fesc d lassall sol i m fascibb ancappà por iej’. Cu a sarc’n ngudd i u fucel ret e cust, manc do d’l’nguint, n purtar’n nnanz o S’gnuren, u patron a macchj’, ca già er scr’sciot i nan s’aff’ttav cchiou’:

“In galera vi mando, che in galera! N’galaj' s’ta scej’, razz d d’l’nguint c’an set alt! Accussè s’arrobb?”, iucch’lav u S’gnuren cu chera cera verd ca t’nev... U cumpagn tr’mm’lav:

“U S’gnuren, p’rdun... nou’ no sapemm ca s’gn’rej’ nan vuliv... I zepp’r stav’n a mbrac’tesc nda macchj’... i ndo ios fasc fredd ... I piccenn ston tott accust’pat i Taries nan sap mang accumm o ppiccià nu murs d fuch p cusc’nà do faf... C n mann n’galaj’, c  ngiò ddà a mangià e piccenn?”. Iej’, nan d’scev manch na parol, ca m s’ntev u sang salej’ fen a cem i capedd:

“I zepp’r sont i  maj i pot’n por mbrac’tesc... ma voi non dovete toccare nemmeno uno spillo! I piccenn s’on ab’tuà o ffredd i ona cresc cchiù furt!”. Iedd iucch’lav i iej’ nan aff’ttav chiou… no sacc ancu’r iu’sc c m mant’nej’ a m'nar’ng i man ngann i fall tutton a cap cu a frabb’ch.

“P'rdun, u S'gnuren... », dìscev u cumpagn.

“Va bene, stasera mi trovate generoso e vi perdono... Per questa volta mi lascerete qui i sarc’n i zepp’r e mi farete cinque giornate di lavoro per ciascuno in campagna. Senza paga, s’intende”. “I cumm ama campà, s’gn’rej, c nann pagh?”. “Non vi preoccupate..., verrete quando vi trovate senza lavoro... ncoch i d’men’ch ca v’acchiat abbind... Non vi preoccupate, non mi dimentico, io. I mo, sciatavenn da nanz all’occhier maj’ !”.

A capet, car professor? I n scià r’tramm mosc mosc e cas’r. C l’era desc’r co monn era sc cangià a sta mani’r... u S’gnuren, s’u p’nzav? Nan so passat manc ciunquant’ann ... Cià ne si’ to, car professor, da veta nost...

PAOLO VINELLA (Saramacch’)

 

LA FASCINA

Quando finì la guerra del 1940 –nemmeno ai cani auguro la guerra…, meno male che ebbi la fortuna di tornare a casa- era davvero amara la vita! Allora eravamo quasi tutti braccianti agricoli, senza alcun diritto; il lavoro scarseggiava e la fame cresceva. Andammo pure al lavoro “arbitrario” (1), ma non ne ricavammo niente. Ricordo uno sciopero, una volta, fuori la porta (2), quando lo ‘Stradone’ (nome popolare del C.so Umberto I) era pieno di braccianti dall’inizio alla fine… Allora sembrava che la vincessero sempre i padroni, ma poi, dalli oggi e dalli domani, le cose sono cambiate dal cielo alla terra: quando andavo a lavorare alla giornata, ora a Conforto (3) al padrone Cesare ‘Cacat’rron’, oppure alla Madonna delle Grazie o alla mietitura e alla semina a Cunegonda, al padrone Vituccio ‘Spaghett’, chi l’avrebbe mai detto che uno zappatore, mezzo analfabeta come me, avrebbe fatto un figlio ingegnere..?!?

Per dirti come si viveva allora, ricordo un sabato sera –ero ancora scapolo –, (dopo una giornata di duro lavoro) al tempo delle semine autunnali, ritornavamo a casa a piedi, uccisi dalla fatica, dalla masseria Madonna delle Grazie. Quasi non si vedeva più e (lungo la strada), con un compagno, entrammo in un bosco a raccogliere un po’ di rami secchi per cucinare e riscaldarci un po’ alle nostre case. Ci bastò poco per fare due belle fascine. Accidenti! Le avevamo appena caricate sulle spalle, che  –gli venga un accidenti!-, da dietro un grosso cespuglio dove erano nascosti, uscirono due guardiani armati di fucile a retrocarica:

 “Altolà! Fermi o spariamo!”

Io, non ci pensai due volte: gettai la fascina, un salto e me ne scappai nascondendomi lungo un alto parete. Quelli spararono, ma ormai me n’ero scappato. Quando alzai la testa e vidi che il compagno era stato acchiappato, non me la sentii di lasciarlo da solo e mi feci prendere anch’io. Con la fascina sulle spalle e il fucile alla schiena, manco due delinquenti, ci portarono davanti al Signorino, il padrone del bosco, che già s’era fatto buio e non si vedeva più:

“In galera vi mando, che in galera! In galera dovete andare, razza di delinquenti che non siete altro! Così si ruba?”, urlava il Signorino con quella cera verde che aveva… Il compagno tremava:

“Signorino, perdono… noi non sapevamo che vossignoria non voleva… I rami secchi stavano a marcire nel bosco … e nel sottano fa freddo … i bambini sono tutti raffreddati e Teresa non sa nemmeno come accendere un po’ di fuoco per cuocere due fave… Se ci mandi in galera, chi darà da mangiare ai bambini?” . Io, non dicevo nemmeno una parola, ché mi sentivo il sangue salire fino in cima ai capelli:

“I rami secchi sono miei e possono anche marcire… ma voi  non dovete toccare nemmeno uno spillo! I bambini dovranno abituarsi al freddo e devono crescere più forti!”. Lui urlava ed io non ci vedevo più… No so ancora oggi chi mi trattenne dal mettergli le mani alla gola e fargli la testa tutt’uno col muro (=sbattergli la testa al muro).

“Perdono, Signorino…”, diceva il compagno.

“Va bene, stasera mi trovate generoso e vi perdono… Per questa sera mi lascerete qui i sarc’n (= le fascine) e mi farete cinque giornate di lavoro per ciascuno in campagna. Senza paga, s’intende” . “E come vivremo, vossignoria, se non ci pagni?” . “Non vi preoccupate…, verrete quando vi trovate senza lavoro… qualche domenica quando non avete da lavorare… Non vi preoccupate, non mi dimentico, io. E adesso, andate via dagli occhi miei!”.

Hai capito, caro professore? E ce ne tornammo mogi mogi alle nostre case. Chi l’avrebbe detto che il mondo sarebbe cambiato a questo modo… il Signorino, lo pensava? Non sono passati nemmeno cinquant’anni… Che ne sai tu, caro professore, della vita nostra…

 

(1)  Il lavoro cosiddetto “arbitrario” era quello previsto dalla legge sull’imponibile di manodopera che prevedeva l’obbligo, per i grandi proprietari terrieri, di assumere  un certo numero di operai in proporzione all’estensione ed alla qualità dei terreni posseduti.

(2)  “For a port” (= fuori la porta) era detto lo slargo antistante l’antica ‘Porta Grande’, andata distrutta, e compreso tra l’inizio di C.so Garibaldi (‘Porta Grande’), l’inizio di C.so Umberto I, la Villa Comunale (attuale P.le A. Moro), il Monumento ai Caduti, il Comune, il Teatro Comunale.

(3)   Tre nomi di masserie: Conforto, Madonna delle Grazie, Cunegonda, le prime due in territorio di Putignano, la terza, tra Gioia del Colle e Mottola, all’epoca condotta in affitto dalla famiglia dei miei nonni e zii, agricoltori putignanesi.

 

 

<< In passato, ho scritto diverse cose in dialetto putignanese, purtroppo smarrite. Sono riuscito a recuperare il racconto di vita vissuta “A sarc’n” (“La fascina”), trascritto direttamente in dialetto, così come ascoltato dalla viva voce di un anziano bracciante di Putignano venuto a mancare qualche tempo fa. Qualche mese dopo la stesura, “ A sarc’n” fu pubblicato sul numero di marzo 1995 del mensile AGORA’,  primo giornale locale intercomunale del nostro territorio, con redazione a Noci, a cui collaboravo. Il proto, che all’epoca componeva gli articoli per la stampa ricopiandoli dal testo scritto a macchina dall’autore (non si disponeva ancora di un PC), non conoscendo il dialetto putignanese, commise una serie di errori.

“A sarc’n”, nel testo della stesura originaria, fu anche presentato (maggio 1995) al concorso letterario “Rassegna Regionale di POESIE E NARRATIVA in VERNACOLO APULO – BARESE” di Molfetta. Invece del primo premio, furono assegnati tre secondi premi ex aequo, di cui uno proprio al racconto “A sarc’n” (LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO, 31.05.1955 - pag. 28).

Recentemente ho ripreso il testo originario per riproporlo qui, corredato della versione in italiano che può essere d’aiuto per chi non avesse dimestichezza con il nostro dialetto>>.

10.12.2018

Paolo Vinella

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.