In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

logo visita putignano

 

Distante circa 3 Km dalla città di Putignano e posta in direzione Noci su una collinetta ad una altitudine di 370 m/slm, la chiesa ipogea di San Michele Arcangelo in Monte Laureto, si inserisce a pieno titolo in tutte le grotte o strutture religiose dedicate al santo presenti in Puglia, con capofila la Basilica Santuario di San Michele presente a Monte Sant'Angelo (FG).

 

La chiesa, non può vantare ufficialmente l'appellativo di Santuario, in quanto quest'ultimo non è stato mai ufficializzato dalla Santa Sede, anche se, per devozione dei fedeli della zona, dei pellegrini che ne conoscono la tappa lungo il percorso micaelico e infine per il  valore storico artistico attribuitole dagli studiosi, se n'è appropriato ufficiosamente nel tempo.

 

La grotta può essere ricondotta nella sua formazione al periodo del Cretaceo Superiore (tra i 65,6 e 99,9 milioni di anni fa) le caratteristiche strutturali vedono in 30 metri di lunghezza, 17 di larghezza e 6 metri di altezza le dimensioni volumetriche interne. L'antro è scavato  nello spessore dei banchi rocciosi del calcare a rudiste e geologicamente rappresenta una sorta di cavità assorbente delle acque piovane della zona. L'accesso alla grotta stessa è abbastanza comodo e avviene attraverso una scalinata in pietra tipica del territorio.

 

Il vano scale è diviso in due step, quello di accesso che arriva fino all'apertura dell'arco di ingresso all'antro, datato 1684 circa, come evidenziato dalle incisioni presenti su una delle acquasantiere laterali e la successiva scalinata, quella più antica e maestosa, che si estende per tutta la larghezza della grotta.

 

All'interno ritroviamo opere scultoree di Stefano da Putignano, dipinti del Palvisino (XVI sec.) e l'opera più importante che caratterizza il periodo Angioino nella pittura rupestre, ossia il grande affresco sulla Crocifissione di Cristo che decora la parte posteriore dell'altare principale.

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.