In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri visitatori. Cliccando sul link sottostante "Policy – Cookies e tutela della Privacy" puoi trovare le informazioni su cosa sono i cookies.

CON IL PATROCINIO GRATUITO DI
logo carnevale putignano
FONDAZIONE DEL CARNEVALE DI PUTIGNANO
logo chiesa di san pietro

CHIESA SAN PIETRO APOSTOLO

Putignano, una Storia che non ti aspetti

itinerario monumenti

percorso chiese

logo visita putignano

In realtà, il Palazzo Riccardi ha una notevole importanza per la storia non solo di Putignano ma del Risorgimento pugliese perché ricorda la figura e l’opera di Maria Caterina Riccardi nata nel 1802 da Giovanni Giuseppe Riccardi e Maria Costanza Lipari e destinata a diventare, madre di 5 garibaldini, una vera e propria eroina. Ad appena sedici anni, il 2 agosto del 1818, si unì in matrimonio con il possidente Giovanni Pasquale Tateo dal quale ebbe ben tredici figli.

 

I coniugi Tateo si trasferirono dal paese di Putignano dapprima nella masseria Baronaggio di proprietà della famiglia Molignani successivamente ad Acquaviva delle Fonti, ed infine a Palagianello, in una grande tenuta dei Caracciolo di Santeramo, che divenne ben presto punto di incontro per carbonari e patrioti appartenenti alla setta  mazziniana “La volpe”;  rimasta vedova all’età di 44 anni Maria Caterina aiutò il figlio Giangiuseppe, laureatosi nel frattempo in medicina, ad accogliere e curare nella masseria e nel castello dei Caracciolo soprattutto i più poveri, a dare ospitalità a patrioti e insorgenti e ad amministrare con coraggio e saggezza duemila ettari di terreno.

 

Intanto Giangiuseppe, condannato in contumacia ad “anni venti di ferri” e colpito da una taglia di 5.000 piastre, fu costretto a fuggire, secondo alcuni da Brindisi nascosto in una botte verso la Grecia, secondo altri da Mola per Trieste alla volta della Francia. Il giovane patriota, descritto dagli agenti borbonici come “uomo di statura bassa, comportamento snello e delicato, occhi grigi e vivaci, capelli biondi, quasi ricci, barba e mustacchi all’italiana, colore pallido”, fu ricordato invece con ammirazione per le  straordinarie doti umane e professionali in un componimento in versi dal poeta Tommaso Briganti:

 

“…Ei nel saver d’Ippocrate / versato molto, sol lo volse a bene / della progenie misera, / travolta nel torrente delle pene; / e liberal, benefico, pietoso / d’un premio al suo sudare fu disdegnoso” (Josè Minervini).

 

Quando ormai, dopo la morte di Ferdinando II, sperava di ritornare in patria e di ricongiungersi finalmente con la madre, il 24 giugno 1859 morì nei pressi di Nizza dove fu sepolto.

 

Insieme a Giangiuseppe si distinsero per coraggio e amor di patria i fratelli  Vincenzo, che a sue spese organizzò un gruppo di volontari per favorire l’avanzata dei garibaldini in Basilicata, Vito Domenico, imprigionato per rappresaglia dai Borboni dopo la fuga del fratello Giangiuseppe,  Beniamino  che combattè con le camicie rosse  a Desenzano nonché Francesco Saverio che con la divisa di capitano garibaldino prese parte alla battaglia di Villa Glori, dove perse la vita: il suo nome (Taddeo) compare sulla base del monumento romano ai fratelli Cairoli insieme a quelli di altri eroi che si distinsero nel sanguinoso scontro con le truppe pontificie.

 

Nel 1866 Giovanni Nicotera, il più stretto e leale collaboratore di  Giuseppe Garibaldi poi ministro del nuovo Stato unitario, sentì il dovere di recarsi nella tenuta Caracciolo di Palagianello per rendere omaggio a Maria Caterina Riccardi: e trovandola ad  aiutare e incoraggiare il figlio Beniamino, appena ventenne, che partiva per la terza guerra d’indipendenza, le dette l’appellativo “La Cairoli delle Puglie”, pensando ad Adelaide Cairoli,  madre anche lei di cinque patrioti, di cui quattro caduti per l’Unità d’Italia.

 

In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia l’Amministrazione comunale di Putignano ha intitolato una strada a Maria Caterina Riccardi per ricordarne alle nuove generazioni il coraggioso contributo alle lotte risorgimentali.

 

Oggi è di proprietà della famiglia Sisto, discendente delle famiglie Riccardi, Bellisario, Campanella.

lavoro di gruppoQuesto progetto nato dall'idea di Gianni Musaio è racchiuso in uno spirito di squadra ed è il frutto della collaborazione di persone, semplici cittadini, che hanno a cuore il patrimonio storico, culturale, artistico, geografico, enogastronomico del centro storico di Putignano paese in cui vivono. Una condivisione con istituzioni, turisti, studenti di quanto di bello e unico ha da offrire il contesto accessibile da una delle tre porte.

divieti

Il centro storico di un paese è il fulcro del territorio, dove sono custodite antiche storie, tradizioni e cultura di chi ci ha preceduto. Contribuisci anche tu a lasciare alle generazioni che verranno le testimonianze del passato avendone cura.